Eventi e Girarifugi 2016

GIRARIFUGI
 
 

COS’È GIRARIFUGI?
Tanto per cominciare è una bella idea, venuta a quelli di Assorifugi, per incentivare, stimolare e poi premiare gli innamorati della montagna.


FUNZIONA COSÌ
Andare in montagna è un piacere e con questa iniziativa anche un gioco!
In ogni rifugio aderente potete chiedere la tessera segnapunti.
Ad ogni vostra visita in un rifugio del circuito Girarifugi (purché sia sempre una struttura differente), il gestore vi apporrà 1 punto per le mete che si raggiungono più facilmente (rifugi escursionistici), 2 per quelle che fanno un po’ "sputar pallini", come si dice (rifugi alpini), e 1 punto ulteriore se scegliete di fermarvi in rifugio anche per la notte.

Il vostro obiettivo è raggiungere il riempimento della tesserina, cioè ritrovarvi con 18 timbri entro e non oltre il 31.10.2016. Potrete così ricevere in regalo una fantastica T-shirt “Girarifugi 2016” e andare in giro ancora, vantandovi con ragione, di essere stato qui e là, su e giù, a destra e a manca, per le montagne del Friuli, Venezia Giulia e del Cadore.
La tessera è nominativa e può essere timbrata una sola volta per rifugio. La maglietta, a completamento della tessera, può essere ritirata dall’1.10 al 15.11.2016 presso Angeli Sport di Tolmezzo.
Le emozioni raccolte durante le vostre escursioni non fanno parte di alcuna specie protetta: quindi potete tornare a raccoglierne ancora. Tanto non finiscono mai. Per questo abbiamo inventato il “Girarifugi”.

E FUNZIONA ANCHE IN BICI!
Non pensate che ci siamo dimenticati dei ciclisti amanti della montagna.

Anzi, siamo ancora più attenti perché vi immaginiamo mentre salite sulle vostre due amate ruote: infatti a voi basteranno 15 timbri (sempre di rifugi diversi) per conquistare la mitica T-shirt 2016.
Il resto del regolamento, le emozioni e il piacere sono sempre gli stessi. Quindi non vi resta che scegliere le vostre mete, stabilire una strategia e pedalare, pedalare, pedalare...
Ah, scesi di sella potete sgranchirvi le gambe ammirando il panorama.

Tessera Girarifugi



----------------------------------------------------------------


NOTE E PAROLE IN RIFUGIO
Quest’anno gli eventi proposti presso i rifugi sono ben dieci.
In un arco di tempo che va da luglio a settembre, l’ambiente alpino si riempirà di musica, storie, cantautori, strumenti classici o mai visti prima e... film.
Come in un’immenso anfiteatro potrete riposare e rigenerare gli spiriti.





Collegamento al calendario degli eventi e al libretto con il programma

----------------------------------------------------------------


Presentazione degli eventi di quest'anno proposti dall'Assorifugi




------------------------------------------------------------------------ 




-----------------------------------------------------------------

Nilo ha ideato e realizzato 
A SFALCIO SUI PRATI DIETRO AL RIFUGIO 
il nuovo LOGO realizzato in occasione del passaggio del 
GIRO D' ITALIA

Però è necessario guardarlo
DALL' ALTO !

A chi capitasse di fotografarlo saremmo felici di poter vedere il risultato di tanto lavoro.
Mandateci la foto al nostro indirizzo e-mail
GRAZIE NILO, E' BELLISSIMO!!
Vorrei le ali per poterlo vedere dall' alto...

--------------------------------------------------------------------------------
GIOVEDI' 23 GIUGNO

il

kries
e' stato di buon auspicio


il falò di San Giovanni nelle Valli del Natisone  vede le sue fondamenta nell'antica festa del
Solstizio d'Estate

 


----------------------------------------------------------------------



dal 16 al 24 Luglio

il nostro rifugio ha partecipato alla


Settimana di Libera



durante la quale abbiamo preparati piatti
con i prodotti di LiberaTerra
l'associazione che coltiva sui terreni confiscati alle mafie

----------------------------------------------------------------------------


Domenica 31 luglio
ore 15.30

il pianoforte di 
Angelo Comisso

e il sax tenore e il clarinetto di 
Francesco Bearzatti

hanno eseguito
M'ILLUMINO DI SENSO

Il lavoro musicale, dal titolo liberamente ispirato alla celebre poesia di Ungaretti, medita sulla tragedia della Grande Guerra.
Si tratta di una suite, concepita in più quadri musicali, che descrive, secondo la sensibilità dei due compositori, la vita interiore di un soldato al fronte.

-------------------------------------------------------- 

DOMENICA 4 SETTEMBRE
c'è stata la

quarantesima edizione della

FESTA DELLA MONTAGNA 



 --------------------------------------------------
Domenica 16 ottobre

al rifugio Pelizzo
 tradizionale marronata

nel pomeriggio 
CALDARROSTE
per tutti offerte dalla gestione


e a pranzo ...
specialità delle Valli
a base di castagne
e la famosa
 Coda di Renato con la polenta

-----------------------------------------------------------------------



Venerdì 21 ottobre
alle ore 17
presso il rifugio Pelizzo

proiezione di
Vera Paoletti

entrata libera
dopo la proiezione vi proponiamo una cena a tema:

Menù galiziano autunnale
Menù gallego otoñal

Ensalada de grelos     *  Antipasto di cime di rapa

                                                          il Grelo,uno dei prodotti più usati dalla cucina galiziana invernale

Caldo de castañas      *  Zuppa di castagne

                                                          piatto della tradizione dell' interno della Galizia        

Xenos rellenos            *  Involtini di foglie di cavolo

                                                          uno dei grandi piatti delle "migliori famiglie di Compostela"

Fabada gallega           *Fagioli e salsicce alla galiziana 

                                                          la casseruola di legumi più famosa di Spagna

Peras en almìbar de vino *Pere al vino
                                                          ricetta del "Centro Superior de hosteleria de Galicia"


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sabato 22 ottobre
alle 15.30
al Rifugio Pelizzo 

CONCERTO RINASCIMENTALE
con
Paola Chiabudini
al clavicembalo
e
Aleksander Ipavec
all'organo portativo di Leonardo

Musiche dal Rinascimento ai nostri giorni, eseguite e reinterpretate con il clavicembalo e con uno strumento d’eccezione, progettato dal genio di Leonardo da Vinci,
e realizzato dal Maestro liutaio Mario Buonoconto.

Un momento prezioso per ammirare alcuni

strumenti antichi ricreati dal Maestro Buonoconto.